lunedì 29 agosto 2016

Rivoluzione Gal e l’addio all’approccio partecipativo.

In questi giorni l’Alta Irpinia e la Valle del Sele sono stravolti dalla modifica degli assetti dei Gruppi d’Azione Locale che, fino a poco tempo fa, quasi nessuno conosceva.
I Gal non sono altro che società consortili a responsabilità limitata composte da soggetti pubblici e privati i cui scopi sono la promozione dello sviluppo locale.
Sopravvivono sopratutto grazie alla presenza di fondi europei e, oggi, tutti vogliono dire la loro perchè destinatari di tanti milioni di euro nella prossima programmazione europea.

Nel mio ultimo post li avevo decantati perché, per la prima volta, un ente si era aperto al territorio ascoltandolo e facendolo partecipare alla stesura della strategia di sviluppo locale attraverso la raccolta dei bisogni e delle necessità: una novità assoluta, un approccio tutto europeo mai visto con focus group, facilitatori, dinamiche di condivisione.

Un’apertura bellissima di tutti i Gal (Irpinia - Cilsi - Partenio, ecc.) che ha portato alla costruzione di una strategia di sviluppo locale condivisa che si basava sulle reali esigenze degli operatori che il territorio lo vivono.

Peccato però che tutto ciò, ora, sia stato un lavoro completamente inutile.

Le strategie condivise costruite dai Gal, fatte di approcci partecipativi e incontri territoriali (qui quella dell’ormai chiuso Gal Irpinia http://psr2020.galirpinia.it/  e qui il percorso fatto dal Gal Cilsi http://www.galcilsi.it/new/category/news/ ) sono state ripudiate da buona parte dei Comuni che le avevano costruite e adottate in Giunta in nome di una sterile “contiguità territoriale”.
Questo criterio infatti è la motivazione che si trova nelle delibere dei Comuni che giustificano il “cambio di casacca”  nonostante con questo nuovo organismo non avessero mai parlato o, tantomeno, condiviso strategie per il futuro come fatto con gli altri.


Insomma, per una volta che si era coinvolto davvero il territorio nelle scelte, queste scelte sono state completamente cancellate da un cambio voluto da pochi. Davvero triste.

Ciò dimostra, per l’ennesima volta, che alla base del nostro territorio non ci sono gli obiettivi, i progetti, i risultati e la meritocrazia. I cittadini meno decidono meglio è.

Ora non resta, per tutti i Comuni che hanno cambiato dirigendosi verso il Gal “I sentieri del buon vivere”, che leggere la loro strategia condivisa (di cui però non trovo traccia sul sito http://www.sentieridelbuonvivere.it/)  e adeguarsi a cose che hanno scritto altri a cui l’Alta Irpinia non ha contribuito.

Ciò significa, per Caposele ad esempio, niente più Distretto Rurale delle Acque.

Ennesima prova di un territorio che non ha le buone prassi europee nel DNA, ne tanto meno costruisce progetti di territorio a lungo termine condividendo obiettivi con chi il territorio lo vive. 
Siamo solo capre, pronte a sacrificare faticosi passi avanti in nome di un solo nome.

Che poi la partita è ancora da vedere, perché la Regione Campania finanzierà solo 3 Gal in Irpinia (forse questo pochi lo hanno detto).

In bocca al lupo a Lioni, Caposele, Calabritto, Senerchia, Bagnoli Irpino, Nusco, Castelfranci, Cassano, Torella dei Lombardi e Teora, alle prese da domani con una nuova sfida.